Il Meetup Amici di Beppe “Grilli Parlanti di Rieti” ha appreso, dagli organi di informazione della buona notizia che coinvolgerebbe la Provincia di Rieti, relativa al finanziamento di 3 milioni di euro da parte della Regione Lazio. Nel giro di pochi minuti i giornali on-line hanno pubblicato le dichiarazioni rispettivamente del Consigliere Regionale Daniele Mitolo e dell’ex Presidente della Provincia di Rieti Onorevole Fabio Melilli, entrambi felici dell’avvenuto stanziamento. Questo è quel che si legge, almeno nei titoli; andando però a leggere il contenuto delle dichiarazioni qualcosa non torna. Il primo, il consigliere regionale Mitolo dichiara “Non si può che accogliere con favore la notizia del contributo straordinario di oltre 3 milioni di euro concesso dalla Giunta Zingaretti alla Provincia di Rieti per investimenti rivolti a scuole e viabilità.” Il secondo, l’Onorevole  Melilli dichiara “Ho appreso con piacere la notizia dello stanziamento dei fondi da parte della Regione Lazio in favore della Provincia di Rieti, per questo ringrazio il presidente Zingaretti, l’Assessore Refrigeri e l’intera Giunta Regionale. Per garantire gli equilibri di bilancio della Provincia, e mantenere il livello dei servizi che l’Amministrazione provinciale ha erogato ai cittadini fino ad oggi, erano necessari una serie di interventi che si stanno tutti concretizzando. In prima battuta è stato necessario garantire l’equilibrio economico e finanziario di Risorse Sabine per il 2013 e lo si è fatto attraverso il riconoscimento, da parte della Regione, dei crediti vantati dalla società. La seconda azione necessaria era mettere in sicurezza il bilancio della Provincia: lo abbiamo fatto prima con un intervento del Governo che ha ridotto il taglio alle province più penalizzate, tra cui quella reatina alla quale il taglio è stato ridotto di 1milione di euro, ed oggi con l’intervento della Giunta Regionale. Ora la Provincia può approvare serenamente il bilancio 2013 e quindi continuare a garantire ai cittadini gli adeguati livelli dei servizi, a partire dal mantenimento del conservatorio e dell’università.”

Quindi, in base a quanto commentato dall’Onorevole Melilli, di investimenti per scuole e viabilità nemmeno l’ombra, come invece dichiarato dal consigliere Mitolo, anzi, questi dovrebbero costituire, secondo lui, una vera e propria scialuppa di salvataggio  per la Provincia di Rieti.

A supporto, e per confrontare le due dichiarazioni, leggiamo la delibera di Giunta regionale, che attraverso l’intervento dell’Assessore all’ambiente e infrastrutture F. Refrigeri, spiega come la Provincia di Rieti potrà godere di un “Contributo straordinario alla Provincia di Rieti a valere sull'esercizio finanziario 2013, per il finanziamento delle attività legate alle funzioni fondamentali di Viabilità ed Edilizia Scolastica, art. 8, comma 3. legge Statutaria 11 novembre 2004, n.1 "Nuovo Statuto della Regione Lazio".

Per capire ancora meglio la natura dell’intervento cui fa riferimento il suddetto art 8, comma 3, dello Statuto della Regione Lazio che parla di “Opera per rimuovere gli squilibri economici mediante la destinazione di risorse aggiuntive ed effettua interventi speciali in favore di aree territoriali svantaggiate, con particolare riguardo ai piccoli comuni, alle aree rurali e montane nonché alle isole.”

A questo punto i “Grilli Parlanti” si chiedono chi dei due abbia torto: si tratta di investimenti per scuole e viabilità, come dichiarato dal Consigliere Mitolo, oppure sono fondi per risanare il bilancio provinciale come riferito dall’Onorevole Melilli? Se avesse ragione il Consigliere Mitolo, vorremmo che elencasse gli interventi eventualmente pianificati, se invece ad aver ragione fosse l’Onorevole  Melilli di questi investimenti resterebbe ben poco, visto che quanto finanziato verrebbe impiegato quasi esclusivamente per “mettere in sicurezza il bilancio e per garantire l’equilibrio economico e finanziario di Risorse Sabine”.

In ultimo si fa riferimento all’articolo 8 comma 3 dello statuto della Regione Lazio “Opera per rimuovere gli squilibri economici mediante la destinazione di risorse aggiuntive ed effettua interventi speciali in favore di aree territoriali svantaggiate, con particolare riguardo ai piccoli comuni, alle aree rurali e montane nonché alle isole”. Se Rieti fosse realmente nelle “aree territoriali svantaggiate”, come oggettivamente e tragicamente lo è pur se non riconosciuta ufficialmente, perché allora non destinare al territorio ben altri capitali per effettuare ben più solidi investimenti ad ampio raggio e respiro, a partire dal tessuto industriale per preservare i posti di lavoro e crearne d nuovi? Potrà sembrare strano, ma per noi “Grilli Parlanti” questo finanziamento, benedetto per certi versi, a conti fatti, è parso più  un “aiutino” politico per colmare lacune gestionali della Provincia di Rieti (che peraltro, stando alle decisioni governative, dovrebbe sparire come tutte le Province d’Italia) e talvolta superbe, come l’affitto di Palazzo Dosi, sede dal 2009 fino a pochi mesi fa della stessa Provincia di Rieti, pagato profumatamente per una cifra annuale vicina ai 350.000 euro, apparso ai più come un inutile sfarzo, che non ha fatto altro che incidere negativamente sull’aumento delle tariffe e dei consistenti tagli per determinati servizi essenziali, come appunto strade e scuole.

Restiamo in paziente attesa di conoscere se questi investimenti verranno davvero destinati a scuole e strade provinciali e quali di queste ne potranno godere.

Il Meetup Amici di Beppe “Grilli Parlanti di Rieti”  proseguirà nell’operazione “fiato sul collo” verso i nostri rappresentanti locali nelle istituzioni.

LORO non si arrenderanno mai…..NOI neppure!!!

In merito a quanto dichiarato dall’assessore Cecilia, in data 14.11.2013, sullo sviluppo urbanistico della città di Rieti, si può convenire che vi sono spunti interessanti in merito alla necessità di ridare un ruolo centrale allo strumento urbanistico generale, a garanzia di legalità e trasparenza, sia nella volontà di connettere il centro storico ai quartieri cittadini ed alle frazioni mediante un sistema di percorsi ciclo-pedonali, sia nella volontà di destinare gli oneri di urbanizzazione a ciò per cui questi sono deputati, ovvero la realizzazione di opere di urbanizzazione primaria e secondaria, come giustamente recita l’articolo 7 della proposta di legge del  M5S  in merito al consumo del suolo.

Ci sembra doveroso però fare alcune puntualizzazioni a cui speriamo ci sia risposta da parte dell’Amministrazione. Presumendo che vi siano i soldi per portare avanti quanto dichiarato, ovvero che gli oneri di urbanizzazione siano veramente destinati a quanto dichiarato e non a ripianare i debiti esistenti oppure per le spese correnti dell’Amministrazione, vorremmo porre l’attenzione su quello che non ci convince della dichiarazione dell’assessore.

Per prima cosa si parla di PRG, quale garanzia di legalità, trasparenza e immediata cantierabilità degli interventi, e subito si accenna alla possibilità di eventuali varianti puntuali. Ben venga se la variante è dovuta a necessità pubbliche e volte al benessere dell’intera comunità, ma la storia insegna che queste, il più delle volte, sono state fatte per favorire persone o associazioni ben precise. Quindi, al fine di fugare ogni dubbio, auspichiamo che le eventuali varianti siano il più possibile condivise e discusse, analizzandone costi e benefici per l’intera collettività, seguendo i principi di trasparenza e condivisione di cui tanto si parlava in campagna elettorale.

In merito alla precedenza che si vuole dare, attraverso i PPA, alla attivazione di tutte le aree destinate ad insediamenti produttivi, ci chiediamo:

-       non sono sufficienti i capannoni vuoti presenti nel nucleo industriale?

-       Non sarebbe il caso di creare prima le condizioni affinché un imprenditore sia invogliato ad investire nel nostro territorio, prima di costruire e consumare altro suolo?

Siamo poi assolutamente d’accordo con la necessità di potenziare i collegamenti con le realtà vicine, cosa che deve essere fatta prima di ogni altra azione.

E’ giusto anche riqualificare, senza speculazioni edilizie, le ex aree industriali (previa bonifica degli eventuali veleni in esse contenuti) e fare in modo che ci sia una valorizzazione “reciproca” con il Centro Storico. Ma questo non può di certo avvenire attraverso la realizzazione di un ennesimo parco commerciale e residenziale, che cannibalizzerebbe il piccolo commercio monopolizzando l’attrazione dei consumatori. Sarebbe meglio dare la precedenza ad una facoltà universitaria, in particolare agraria, con case per gli studenti, mense e campus, che possa attrarre persone, al di fuori del nostro territorio, che siano in grado, attraverso i consumi, di rilanciare il commercio (i prodotti di nicchia, vanto della cucina mediterranea, ormai tristemente abbandonati per colpa della globalizzazione) e che possa creare occupazione nella nostra città, occupazione reale e non effimera come può essere quella tanto vantata dalla realizzazione di un ulteriore centro commerciale.

Per concludere, ci chiediamo se l’aver citato il nuovo polo alberghiero vuol essere una ammissione implicita del fatto che la scuola alberghiera si realizzerà accanto il convitto esistente sulla salaria?

Una cosa è certa, noi vigileremo sempre sulla correttezza delle scelte di ogni Amministrazione, anche e soprattutto nel delicato ambito urbanistico, capace come è di incidere sul territorio negli anni e quindi sulle future generazioni.

   

LORO non si arrenderanno mai…..NOI neppure!!!

 

Sabato 09 novembre 2013, gli Amici di Beppe Grillo “Grilli Parlanti di Rieti” hanno allestito un gazebo in Piazza Vittorio Emanuele II per sensibilizzare i cittadini sul problema derivante da un consumo eccessivo e non pianificato del suolo, con una perdita continua di terreni a vocazione agricola, naturale o forestale. Un importante appuntamento per interagire con i cittadini e per dar loro tutte le informazioni e i chiarimenti su un tema di scottante attualità.

In occasione della proposta di legge messa a punto dal Movimento 5 Stelle in ambito nazionale, i Grilli Parlanti di Rieti incontrando i cittadini hanno illustrato i punti salienti di quella che dovrà essere una norma volta a tutelare i terreni che si trovano allo stato naturale, o adibiti ad attività agricola e/o forestale; a mettere in sicurezza il territorio dal dissesto idro-geologico; a privilegiare la riqualificazione, il riutilizzo e recupero degli edifici esistenti fatiscenti abbandonati o inutilizzati.

La legge prevede anche che i proventi degli oneri derivanti dal rilascio di titoli abilitativi siano interamente destinati al recupero del patrimonio edilizio, alla messa in sicurezza di aree esposte a rischio idro-geologico e sismico, all’acquisizione ed alla realizzazione di aree verdi e ad interventi di qualificazione dell’ambiente e del paesaggio.

Inoltre i Comuni dovranno fare un censimento degli immobili privati non locati, degli edifici pubblici inutilizzati e degli edifici di proprietà privata dati in affitto alle amministrazioni pubbliche: il tutto al fine di razionalizzare la spesa pubblica utilizzando gli edifici propri. Qualora il fabbisogno delle amministrazioni sia già soddisfatto, i Comuni dovranno, attraverso una campagna informativa alla popolazione, destinare i propri immobili ai giovani imprenditori, alle associazioni, alle PMI  o se possibile all’housing sociale.

A tal proposito noi “Grilli Parlanti di Rieti” abbiamo richiesto all’amministrazione comunale i dati catastali al fine di avere un quadro chiaro di quanti sono gli immobili del Comune e a che utilizzo sono destinati.

Invitiamo pertanto l’Amministrazione a prestare particolare attenzione alla salvaguardia della terra come bene comune a tutti i cittadini, anche in considerazione dell’elevato numero di abitazioni sfitte, inutilizzate o da recuperare presenti sul territorio, e della necessità di parchi curati ove si possano trascorrere liete ore all’aria aperta, ed evitare che si cementifichi in maniera inopportuna e irreversibile, oltre che inutile.

Noi Amici di Beppe Grillo “Grilli Parlanti di Rieti” monitoreremo ogni singola situazione.

LORO non si arrenderanno mai….NOI neppure!

Rieti, 15.11.2013

 

Meetup Amici di Beppe Grillo

“Grilli Parlanti di Rieti”

Portavoce Virginia Baglione

Le consigliere Silvia Blasi e Silvana DeNicolò (M5S Lazio) hanno depositato un’interrogazione urgente a risposta scritta riguardante l’adozione di misure preventive nei confronti della diffusione della Xylella fastidiosa, un batterio responsabile della strage di olivi che sta avvenendo in Salento. Nel testo indirizzato al presidente Leodori, a Zingaretti ed all’assessore Ricci si chiedono informazioni dettagliate sulla presenza di eventuali focolai nel territorio regionale e sulle misure per prevenire la diffusione del fenomeno per scongiurare danni ad un settore economico d’importanza strategica per la Regione Lazio, dove esistono produzioni di olio d’oliva certificate DOP e IGP come quelle di Canino, della Tuscia, della Sabina e delle Colline Pontine.

Clicca per vedere l'interrogazione

Come promesso, domenica 10 novembre 2013, noi Amici di Beppe Grillo “Grilli Parlanti di Rieti” abbiamo allestito un gazebo in Piani di S. Elia per essere a disposizione degli abitanti della frazione e delle zone limitrofi.

Sono stati raccolti i giudizi dei cittadini per monitorare il loro grado di soddisfazione nei confronti dell’Amministrazione Comunale, raccogliendo alcune criticità.

Dagli abitanti è emerso quanto segue.

 

a S. Elia Alto :

 

-       gli abitanti hanno manifestato la necessità di una bacheca dove vengano affisse le notizie che li riguardano, per avere un punto preciso presso cui informarsi, onde evitare che vengano imbrattati i muri, come avviene adesso.

-       sempre a S. Elia alta si rilevano una serie di dissuasori (dossi artificiali) in un breve tratto di strada (7 in pochi metri), la cui percorrenza è vincolata dalla strada stretta ed in salita, da un limite di velocità imposto di 30 Km/h e da un rilevatore di velocità (già in avaria),  misure ritenute eccessive;

-       nella Piazza antistante la Chiesa a S. Elia ci sono giochi per bambini vecchi e pericolosi;

-       non esiste un centro sociale o un punto di ritrovo ed alcuni abitanti si trovano costretti a riunirsi nei pressi della pensilina della fermata del bus;

-       lungo la strada che conduce in direzione Ville di S. Elia è rilevabile una frana per la cui messa in sicurezza, a detta di alcuni abitanti della zona, sembra siano stati destinati circa 7.000 euro, ma non risulta iniziato alcun intervento, tranne la presenza di una ridicola delimitazione realizzata con tondini di ferro e nastro segnaletico ormai danneggiato;

     

ai Piani di S. Elia:

 

-        la via Tancia, soprattutto nel tratto che va dal bivio di S. Vincenzo direzione Piani di S. Elia, risulta scarsamente illuminata, fatto questo che costituisce un vero pericolo, stante anche la carenza di marciapiedi e la loro fatiscenza, dove esistenti, nonché lo stato di dissesto in cui versa il manto stradale;

-       a Piani di S. Elia la vicina pista ciclabile è stata concepita senza tener conto della necessità di accesso, agli adiacenti campi agricoli, dei mezzi necessari per la coltivazione, obbligando gli agricoltori a transitare per percorsi alternativi più scomodi e distanti. Solo in un secondo momento, dopo alcune rimostranze, è stato ripristinato l’accesso ai mezzi agricoli dei contadini direttamente dalla pista ciclabile, costituendo però un grosso problema per i frequentatori della pista stessa per via dei pericolosi attraversamenti;

-       lungo il perimetro del cimitero, che si trova in località S. Vincenzo, sul lato sinistro giacciono rifiuti speciali e vari elettrodomestici abbandonati. Alcuni tetti dello stesso cimitero, inoltre, sono stati realizzati in eternit, le cui condizioni sarebbero da verificare.

 

Alla luce di quanto emerso riteniamo che dette problematiche debbano trovare una tempestiva risoluzione. Noi Amici di Beppe Grillo “Grilli Parlanti di Rieti” monitoreremo ogni singola situazione.

 

LORO non si arrenderanno mai….NOI neppure!

   

Rieti, 12.11.2013

Meetup Amici di Beppe Grillo

“Grilli Parlanti di Rieti”

Portavoce Virginia Baglione

Il meetup Amici di Beppe Grillo “Grilli Parlanti di Rieti”, venuto a conoscenza in data 05.11.2013, della costituzione di un nuovo Comitato, “Cittadini in Comune”, composto “Rieti Virtuosa”, Cittadinanzattiva”, “Sabina in Movimento 5 Stelle” ed alcuni cittadini, si sente in dovere di fare alcune importanti precisazioni.

Il gruppo “Sabina in Movimento 5 Stelle” non rispecchia assolutamente gli ideali del MoVimento 5 Stelle per degli oggettivi motivi:

-      primo perché noi appartenenti al MoVimento 5 Stelle siamo totalmente distanti da ogni coinvolgimento politico e quindi non accettiamo compromessi o appartenenze a Comitati i cui componenti siano iscritti a vari partiti e liste politiche;

-      secondo perché il meetup Sabina in Movimento 5 Stelle non è mai stato riconosciuto e autorizzato all’uso di detta dicitura (Movimento 5 Stelle) dal momento che e’ stato aperto solo pochi mesi fa (1 Luglio 2013). Per poter usare la dicitura dovrebbe aver partecipato ad almeno una tornata elettorale con lista (o persona), certificata dallo staff di Beppe Grillo, come nel caso della nostra portavoce Virginia Baglione, candidata alle scorse elezioni regionali del lazio, nella lista provinciale di Rieti;

-      terzo perché all’interno di detto meetup ci sono degli iscritti a movimenti politici, fra cui un Assessore in carica (Colli sul Velino, Ri) ed alcuni ex candidati da partiti che, non avendo avuto successo, con queste misere “unioni” tentano di colmare la loro sete di successo politico.

A motivare quanto sopra esplicitato citiamo alcuni dettagli di due parti componenti del neonato Comitato:

- Rieti Virtuosa era prima rappresentata da Paola Cuzzocrea, candidata a Sindaco di Rieti nel 2012; non riuscita nell’intento di divenire il primo cittadino reatino, per aver preso una minima percentuale di voti, ora la ritroviamo iscritta anche a Sabina in Movimento 5 Stelle. Nel marzo di quest’anno, in seguito a nuove elezioni, è stata nominata Presidente di Rieti Virtuosa, al suo posto, Anna Maria Pitotti, candidata, nell’ottobre scorso , nella lista “IL FAGGIO” per il rinnovo degli organi dell’Amministrazione Separata dei Beni Civici di Vazia (frazione di Rieti), unitamente ad un dirigente del PD, un ex Presidente di circoscrizione in quota PDL ed un ex candidato alle elezioni comunali del 2012 in quota UDC oltre ad altri tesserati dello stesso PD (Francesca Faraglia).

Marco Giordani, iscritto a Rieti Virtuosa con cui è stato candidato per le amministrative del 2012 al Comune di Rieti (n. 7 http://www.rietivirtuosa.it/elezioni-2012/la-lista-civica/), candidato anche nel 2007 alle elezioni del Comune di Rieti nelle file del SDI (http://digilander.libero.it/marco_giordani/), attivista della lista Bonino-Pannella nel 2010 (http://www.youtube.com/watch?v=QODJBpYMyVo), è attualmente anche Segretario di Sabina Radicale (http://www.sabinaradicale.it/content/dirigenti-dellassociazione-sabina-radicale).

Alla luce di ciò pare evidente che un meetup che si ispira ai principi fondanti del MoVimento 5 Stelle non avrebbe mai stretto legami con dei rappresentanti della vecchia politica dei trasformismi.

Il pericolo è quello di inficiare tutto il lavoro svolto finora dagli attivisti, i cosiddetti “grillini”, per estirpare i vecchi metodi politico-opportunistici  nella gestione della cosa pubblica e per restare necessariamente distanti dagli “Scilipoti” e “Mastrangeli” dell’ultima ora.

La contraddizione nasce dall’ovvietà che Sabina in Movimento 5 Stelle, se fosse ispirata veramente al MoVimento 5 Stelle, non avrebbe dovuto stringere patti con Rieti Virtuosa, PD, PDL e Radicali, anche alla luce del fatto che gli stessi personaggi di Rieti Virtuosa fanno parte, tra l’altro, dell’Associazione Post Tribù che per alcuni progetti ha beneficiato del patrocinio e di finanziamenti da parte dell’attuale Amministrazione Comunale reatina di centro sinistra, come dichiarato alla stampa da alcuni consiglieri di minoranza il 31 Ottobre u.s. (“…se a questi aggiungessimo i 40 mila di contributi destinati a due associazioni politicamente vicine al Sindaco, Teatro Alchemico e PosTribù…” http://www.rietilife.it/?p=82574 )

Il meetup Amici di Beppe Grillo “Grilli Parlanti di Rieti” questi INCIUCI e TRASFORMISMI non li sosterrà mai e soprattutto continuerà a svelarli in ogni occasione ai cittadini.

Loro non si arrenderanno mai…NOI NEPPURE!!!

Sono state presentate due denunce contro ignoti per abbandono di rifiuti speciali ed ingombranti in due località.

La presenza dei rifiuti è stata segnalata da alcuni passanti, già da diversi giorni, tramite i social network, una volta raccolte dette segnalazioni, gli attivisti del Meetup Amici di Beppe Grillo “Grilli Parlanti di Rieti” hanno effettuato sopralluoghi con relativi rilievi fotografici.

I rifiuti sono stati rilevati nel centro abitato di Pie' di Moggio, al bordo S.P. Reopasto, sempre nei pressi di Pie' di Moggio, direzione Rieti ed ai bordi della S.P. 67, direzione Sant’Ippolito, subito dopo lo svincolo della superstrada Rieti-Torano.

Per entrambe le circostanze sono state presentate le denunce presso il Comando Stazione Forestale di Rieti, i cui verbali saranno stati trasmessi anche alla Procura della Repubblica.

I "Grilli Parlanti di Rieti" continueranno a monitorare lo svolgimento delle operazioni di bonifica e di smaltimento dei rifiuti pericolosi per la salute, tornando in detti posti per sincerarsi di eventuali interventi.

La salute e l'ambiente sono al centro delle nostre attenzioni e non molleremo mai, confermando la nostra presenza e il nostro controllo del territorio in maniera significativa e costante. L'amore e la difesa per l'ambiente andrà di moda, questo è l'unico pianeta che abbiamo e la salute e' una sola.

LORO non si arrenderanno mai....NOI neppure!

 

Il M5S ha presentato alla Camera dei Deputati una proposta di legge che prevede l’azzeramento del consumo di suolo, non c’è più tempo da perdere; vogliamo tutelare il suolo e il paesaggio come beni comuni.

L’Italia ha 4 milioni di alloggi in più del numero delle famiglie residenti, senza considerare gli immobili abusivi. Ogni giorno il cemento sommerge un'area di suolo vergine pari a 100 campi di calcio, senza alcun criterio né visione del futuro.

Stiamo distruggendo irrimediabilmente la nostra fonte primaria di sostentamento.

Non è più pensabile continuare su questa strada ma è necessario dare priorità al riuso, alla rigenerazione e al recupero dell’edificato esistente, spesso inutilizzato o abbandonato.

Il consumo di suolo libero va reso economicamente sconveniente, deve essere preservata l’attività agricola favorendola dal punto di vista fiscale e tutelando, con vincoli paesaggistici, il paesaggio rurale.  Per una corretta programmazione territoriale è necessario censire gli edifici sfitti inutilizzati e abbandonati.

I Grilli Parlanti saranno in Piazza Vittorio Emanuele II il 09 Novembre c.a., dalle 10:00 alle 20:00, con gli attivisti e la portavoce Virginia Baglione (candidata alle regionali 2013) per parlare con i cittadini della proposta. I palazzinari amici dei politici sono avvisati, questa Terra è anche tua….facciamoli  smettere!

Vi aspettiamo

Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?)…NOI NEPPURE!

Giovedì, 31 Ottobre 2013 17:00

EMERGENZA ABITATIVA: UN TETTO PER TUTTI

I GRILLI PARLANTI DI RIETI RICHIEDONO AL COMUNE UN ESAURIENTE E DETTAGLIATO ELENCO DELLE PROPRIETA’ COMUNALI E LA LORO LOCALIZZAZIONE NONCHE’ IL RISPETTO DELL’ART.23 DEL REGOLAMENTO COMUNALE IN MERITO ALLA LOCAZIONE DEI BENI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE.

Nella giornata del 30 ottobre 2013 il M5S ha presentato alla Camera dei Deputati, una mozione sull'emergenza abitativa nel nostro paese, amplificata dalla crisi lavorativa che sta imperversando.  Lo scopo è quello di esercitare il diritto alla casa, non attraverso nuove cementificazioni, bensì attraverso l'utilizzo del patrimonio immobiliare pubblico, cercando di bloccarne le vendite speculative, e delle proprietà immobiliari private che sono state costruite e che sono rimaste invendute. Attualmente in Italia sono 700 mila le richieste per gli alloggi popolari, mentre la fascia di disagio abitativo riguarda almeno 4-5 milioni di italiani. Sulla scia della mozione presentata alla Camera e della crisi abitativa di alcune famiglie reatine i Grilli Parlanti di Rieti intendono richiedere al Comune, secondo l'art. 23 del regolamento comunale approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 17 del 25/02/2009, l'esatto numero e localizzazione delle proprietà comunali, reclamandone il rispetto.

Alcune famiglie reatine sono accampate da ieri davanti agli archi del Palazzo del Comune proprio per rivendicare il diritto alla casa. L’art 23 cita testualmente: “…La locazione dei beni del patrimonio disponibile è soggetta alle norme della legge 431/98. Il Settore competente effettua periodicamente una ricognizione dei beni del patrimonio disponibile che risultano sfitti al fine di programmarne la utilizzazione. Individua pertanto:

a) gli alloggi destinati ad uso abitativo;

La Giunta Comunale, con proprio provvedimento, indica al responsabile del procedimento competente alla emanazione del bando per la locazione degli immobili suddetti, i criteri di valutazione delle richieste e le eventuali priorità per i nuclei familiari in particolari condizioni di disagio economico-sociale”.

Troppe volte il Sindaco Petrangeli e l'Assessore Mariantoni non hanno saputo dare risposte esaustive alla crisi abitativa, nascondendosi dietro il muro del debito creato in un recente passato, ma le proprietà se c'erano prima, ci dovranno pur essere oggi, per cui vorremmo che si faccia chiarezza. Se tra le tante unità abitative dovessero esserci anche vecchie abitazioni o abitazioni rurali, la legge regionale laziale n. 55/98 riguardante l’autorecupero e/o autocostruzione, portata come esempio da estendere in tutto il territorio nazionale nella mozione alla Camera, potrebbe costituire una nuova occasione di lavoro per gli stessi futuri inquilini, che vedrebbero così concretizzarsi concretizzarsi il sogno di una vita.

Il diritto alla casa rientra nella categoria dei diritti fondamentali della persona come, in diverse occasioni, hanno stabilito anche la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (Cedu) e la Corte costituzionale. Un diritto che è possibile salvaguardare insieme al suolo e all'ambiente: basta la volontà politica. Il Sindaco Petrangeli dimostri con i fatti di essere vicino alle persone più colpite, dia un segnale forte, faccia qualcosa di ‘normale’, dia un tetto a queste persone. E’ UN LORO INVIOLABILE DIRITTO!

Pagina 10 di 13