• Beppe Grillo a Rieti
  • Di Battista a Rieti campagna elettorale elezioni Europee 2014
  • Marcia Onestà
  • Donne in Movimento. Le donne del M5S a Rieti 8 Marzo 2014
  • Grilli Parlanti alla Marcia dell'Onestà con Paola Taverna

Ci sono pervenute diverse segnalazioni riguardanti il bocciodromo nella frazione di Spinacceto di Greccio (Rieti), compresa quella della consigliera dello stesso comune, Fabiola Ciferri.

Insieme alla stessa consigliera, che ringraziamo per la fattiva collaborazione, abbiamo potuto constatare quello che è un, e che ci auguriamo essere l'ultimo,  caso di mala amministrazione della “cosa pubblica”.

Uno scenario terrificante, degradante, al limite della decenza e soprattutto, nella più totale assenza dei livelli minimi di sicurezza, che un primo cittadino dovrebbe saper tutelare. La fatiscente struttura, dove risulta agevole introdursi, è bene ricordarlo e indicarlo, si trova all'interno di un parco pubblico in Via Oreste Leonardi, dove verosimilmente decine di bambini si recano ogni giorno per giocare nel verde e forse, in assoluta tranquillità. Ai genitori l'ardua missione di far passare ai loro piccoli fruitori del parco, qualche ora in sicurezza e responsabilità. Si pensa di lasciar giocare con i loro coetanei i propri bambini, ci si ritrova invece davanti ad una struttura in totale abbandono (come dimostrano le numerose foto!) e assai pericolosa per la sicurezza degli stessi bambini.

Gentile Sindaco di Greccio Antonio Rosati (lista civica “Uno di voi”), nel suo programma elettorale “uno di noi” del 2014, sulla struttura scriveva “riqualificazione e successiva riconversione del bocciodromo, ORMAI IN DISUSO...ambiente IDONEO... struttura polivalente al servizio dei cittadini”.

Le pare questo il caso? Sono passati più di due anni dalle elezioni nel suo comune, perché ad oggi, non è stato fatto nulla? Cosa glielo impedisce? Scommettiamo che da domani si metterà davvero a lavorare per derimere questa “INCRESCIOSA” situazione? Perché si devono lasciare anche i bagni pubblici in totale abbandono, così come la bellissima struttura, rendendo assai pericolosa la permanenza dei bambini? Se non ha per oggi i fondi necessari per la sua realizzazione di riconversione, cosa aspetta a metterla in sicurezza? Attenderà che qualche adolescente si faccia del male prima di poter intervenire?

Confidiamo nella sua “proverbiale” presa d'atto a questo nostro invito pubblico, e confidiamo nella risoluzione del caso, nel più breve tempo possibile. Torneremo a verificare tra qualche mese per seguirne gli sviluppi, ci può scommettere!

 

Pubblicato in Comunicati