• Beppe Grillo a Rieti
  • Di Battista a Rieti campagna elettorale elezioni Europee 2014
  • Marcia Onestà
  • Donne in Movimento. Le donne del M5S a Rieti 8 Marzo 2014
  • Grilli Parlanti alla Marcia dell'Onestà con Paola Taverna

Devid Porrello, capogruppo del M5S Lazio, dichiara:
"L’amianto rappresenta una delle sostanze più pericolose per la salute dell’uomo, come certificato dal suo divieto di utilizzo, ma all’ospedale De Lellis di Rieti qualcosa non ha probabilmente funzionato. Cittadini reatini, tra cui l'attivista Rossi Marco del Meetup locale "Grilli Parlanti di Rieti" e due volontari dell'Associazione Cittadinanzattiva e del Tribunale dei diritti del malato, hanno segnalato infatti i lavori di bonifica presso la struttura ospedaliera e chiesto di verificare l’attività della ditta subappaltatrice, nel pieno rispetto della normativa in materia e della tutela della sicurezza di pazienti, operatori sanitari e impiegati dell’azienda aggiudicataria degli interventi di manutenzione delle pavimentazioni in vinil amianto. Come testimoniato da alcune fotografie e verificato dagli agenti di pubblica sicurezza intervenuti, l’area interessata dai lavori risultava isolata dal resto della struttura da un telo di plastica mal posizionato in alcuni punti, che non impediva la diffusione della polvere presumibilmente ricca di fibre di amianto. Anche gli operai erano privi di qualsiasi presidio di protezione, come tute e maschere. Quanto sopra descritto è stata la situazione che si presentava ai volontari dell'Associazione, all'attivista dei Grilli Parlanti e agli agenti di polizia intervenuti sul posto. Grazie all'esposto presentato in Procura e alla segnalazione ai NAS di Viterbo, per la verifica di quanto sopra descritto e salubrità ambientale, si sono attivate tutte le procedure di monitoraggio della qualità dell'aria, con prelievi a campione anche della polvere presente in loco."

Gruppo Consiliare M5S Regione Lazio

Pubblicato in Comunicati

E’ di questi giorni la notizia che gli abitanti di Casette, stanchi delle condizioni in cui versa la strada che attraversa il loro centro abitato, hanno dato vita ad una singolare, quanto sacrosanta protesta, esibendo delle lenzuola  come striscioni  per denunciare lo stato dell’arteria stradale.

Noi “Grilli Parlanti di Rieti”, attenti alle esigenze dei cittadini, abbiamo coinvolto il Portavoce del Movimento 5 Stelle alla Regione Devid Porrello che ha presentato in data 24 Febbraio c.a. un’interrogazione urgente a risposta scritta, per chiedere all’Assessore alle Infrastrutture, Enti Locali e Politiche Abitative, Fabio Refrigeri, di sollecitare la realizzazione degli interventi di messa in sicurezza previsti per la SR578 e la ricognizione del manto stradale nei tratti urbani per futuri interventi a breve o lungo termine, visto anche che tra gli interventi previsti dalla Deliberazione di Giunta Regionale n. 420 del 2014 figurava la sistemazione della pavimentazione ammalorata tra il km 2 e il km 3+500 e tra il km 6+500 e 8+350 della Strada Regionale 578 per un importo stimato di almeno 500.000 euro.

I lavori di rifacimento del manto stradale ora non sono più rinviabili, considerando che le condizioni della strada non sono tali da garantire la circolazione in sicurezza del traffico veicolare.

E’ ora che si rispettino i cittadini, le cospicue tasse che pagano sono per avere dei servizi, per avere una migliore qualità di vita e perché vengano riconosciuti i loro bisogni, non di certo quello di rischiare incidenti per  accedere alle proprie abitazioni.

Siamo stanchi di transitare su dei colabrodi tortuosi, paghiamo salatissime somme per la “gestione” della nostra città, sarebbe ora che i nostri “amministratori” ci facciano vedere che vengono utilizzate per il nostro bene e per tutto ciò che più ci serve.

LORO non si arrenderanno mai… NOI neppure!

Rieti, 25.02.2016

Meetup Amici di Beppe Grillo

 “Grilli Parlanti di Rieti”

Pubblicato in Comunicati

Riporta la data del 24.11.2015 l’interrogazione a risposta scritta a firma del portavoce regionale Devid Porrello, con la quale si interroga l’Assessore alle Infrastrutture, Politiche abitative e Ambiente, Fabio Refrigeri, in merito alla delibera dell’Anac (Autorità Nazionale Anticorruzione) nei confronti del Comune di Leonessa.

L’Autorità Nazionale Anticorruzione, con delibera n. 70 del 23 settembre 2015 (http://www.anticorruzione.it/portal/public/classic/AttivitaAutorita/AttiDellAutorita/_Atto?id=38a7f1f60a7780425ca0ab4db71d1d7e) ha esaminato alcuni affidamenti diretti di incarichi professionali (progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva) degli impianti funiviari di Campo Stella e Monte Tilia, aventi come stazione appaltante il Comune di Leonessa, evidenziando alcuni elementi (meglio descritti nella delibera allegata) che rendevano poco chiaro il comportamento della Stazione Appaltante.

Dopo aver ricostruito i fatti che hanno portato l’Anac ad emettere la delibera suddetta, si è pervenuti alla interrogazione in oggetto, dove sinteticamente si chiede all’assessore competente se alla luce delle considerazioni e dei provvedimenti presi dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, consideri opportuno intraprendere azioni di controllo e verifica sugli stanziamenti erogati, e da erogare, al Comune di Leonessa e all’intero progetto Terminillo Stazione Montana.

Teniamo a precisare, che NOI SIAMO DALLA PARTE DELLA LEGALITÀ E DELLA TRASPARENZA PER TUTTI I LIVELLI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, e che siamo assolutamente favorevoli ai controlli dell’ANAC, come pensiamo lo debbano essere anche gli amministratori pubblici che nulla hanno da nascondere ma che, anzi, affronterebbero con serenità l’interesse da parte dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, uscendone a testa alta e rafforzati dal loro operato, qualora tali rilievi diano esiti favorevoli nei loro confronti.  A differenza delle passate “stagioni” politiche, il M5S, oltre ad essere pronto ad assumersi la responsabilità di governare il paese, ha anche il compito di controllare qualsiasi atto amministrativo da parte di chi governa, a partire dalle amministrazioni delle città più piccole, fino al Parlamento; non é più tempo di sprecare denaro pubblico, ben vengano quindi non uno, ma tutti i controlli possibili perché i cittadini devono essere tutelati.

Noi dei “Grilli Parlanti di Rieti”, per quanto di nostra competenza e possibilità, lo stiamo facendo, e lo faremo per tutti.

Per consultare il testo dell’interrogazione questo è il relativo link:

http://atticrl.regione.lazio.it/interrogazioniScritte_dettaglio.aspx?id=1136#.VloV3fkvfIV

LORO non si arrenderanno mai… NOI neppure!

Rieti, 04.11.2015

Meetup Amici di Beppe Grillo

“Grilli Parlanti di Rieti”

Pubblicato in Comunicati

Devid Porrello, consigliere del M5S Lazio, dichiara:

“Il nulla di fatto emerso dall’ultima capigruppo è lo specchio di un consiglio regionale con il freno a mano tirato dalle inchieste e dai problemi interni alla maggioranza che non può ottemperare agli impegni presi, come nel caso delle necessarie modifiche alla legge sulla Tutela e Gestione delle acque e a quella per l’individuazione degli ambiti di bacino idrografico. E’ evidente che alla maggioranza e alla giunta non interessa che dal 30 settembre il governo nazionale potrebbe commissariare la regione per non aver promulgato le leggi di attuazione ma bisogna assumersi le proprie responsabilità, fosse solo per rispetto ai cittadini, ai comitati e alle associazioni che si sono impegnati duramente per la raccolta firma per la legge di iniziativa popolare sull’acqua pubblica.”

Silvia Blasi, consigliera del M5S Lazio, dichiara:

“Mentre il consiglio tituba e rimanda l’approvazione delle leggi di attuazione a livello locale la gestione idrica si sta convertendo in un far west. A Rieti, per esempio, l’ATO 3 ha deciso di costituire una nuova società in house per gestire il servizio idrico integrato, nonostante ai sensi di legge l’ATO sia un’entita da considerarsi estinta i cui atti sono nulli. L’ennesimo atto sconsiderato che nasconde la logica di affidare il servizio idrico ad un solo gestore, contravvenendo a tutti quei principi che il consiglio regionale ha trasformato in legge pochi mesi fa per tutelare la volontà popolare sull’acqua pubblica.”

http://www.lazio5stelle.it/acqua-maggioranza-e-giunta-non-rispettano-impegni-presi/

Pubblicato in Comunicati

          

La consigliera Silvia Blasi del M5S Lazio, su segnalazione e con la collaborazione dei “Grilli Parlanti” di Rieti, ha depositato un’interrogazione per richiedere il saldo dei crediti decennali che la Provincia di Rieti e i comuni membri dell’ATO 2 vantano nei confronti della società ACEA ATO 2 (Provincia di Roma) per la gestione delle fonti del Peschiera.

La concessione che assegnava al Comune di Roma lo sfruttamento delle sorgenti reatine Peschiera e Le Capore, che forniscono all’ATO 2 500 milioni di metri cubi di acqua annui generando un fatturato di oltre 450 milioni di euro, siglata nel 1936 è scaduta nel 1996, ma nel 2006 la Regione Lazio ha deliberato un nuovo schema di convenzione che assegna alla Provincia di Rieti un ristorno economico pari a € 25 milioni per il pregresso e di € 8 milioni all’anno dal 2006.

Il Comune di Roma, maggior azionista ACEA, non ha mai ratificato quanto deliberato dalla Regione e ACEA non ha mai versato quanto dovuto cumulando un debito verso la Provincia di Rieti di quasi € 90 milioni che ha gravato e grava sulla bolletta idrica dei cittadini della zona. Nel dicembre 2011 la Guardia di Finanza, su indicazione della Corte dei Conti, ha messo in mora ATO2 proprio per il mancato versamento.

 

Pubblicato in Comunicati