• Beppe Grillo a Rieti
  • Di Battista a Rieti campagna elettorale elezioni Europee 2014
  • Marcia Onestà
  • Donne in Movimento. Le donne del M5S a Rieti 8 Marzo 2014
  • Grilli Parlanti alla Marcia dell'Onestà con Paola Taverna

E' importante stabilire una sacrosanta verità una volta per tutte: a Rieti, nei quartieri fino ad oggi interessati, non si applica un vero e proprio servizio di raccolta rifiuti “porta a porta”, ossia con la consegna del sacchetto personalizzato, e in previsione dell’estensione del servizio a tutta la città per la fine dell'anno, riteniamo giusto cominciare a parlare anche della tassazione sui rifiuti.

La TARI(TAssa sui Rifiuti) è composta da una parte fissa riferita al costo del servizio, calcolata rispetto alla superficie dell'immobile, e da una parte variabile riferita alla quantità di rifiuti prodotti, calcolata in modo presuntivo rispetto al numero dei componenti del nucleo familiare.

Noi Grilli Parlanti di Rieti riteniamo che tutto questo sia inconcepibile e inaccettabile; voler continuare a svolgere un servizio iniquo a prezzi altissimi per i cittadini non porterà a nessun risultato utile.

Al Comune di Rieti, al fine di garantire e tutelare i cittadini più virtuosi, proponiamo quindi l'applicazione della “tariffa puntuale sui rifiuti”.

Con l'utilizzo del sacchetto personalizzato del singolo utente e l'introduzione di detta tariffa, i rifiuti differenziati prodotti, verrebbero pesati con precisione, al fine di incentivare il cittadino a produrne di meno e ad ottenere sensibili riduzioni sulla tariffa, consentendo la fornitura di servizi più precisi ed efficienti.

La “tariffa puntuale” spinge l'utente ad una maggiore responsabilizzazione, ossia consente  di individuare eventuali singole violazioni.

Si potrà raggiungere così l'obiettivo di una perfetta equità contributiva: ciascun utente pagherà esattamente per quel che produce, cioè pagherà in base a quanto si adopererà.

La TARI, così come è ora concepita dal Comune di Rieti, punisce oltremodo tutti i cittadini e le attività, sia dal punto di vista economico che ambientale.

Sia in Parlamento, che in diverse città, i tanti Consiglieri Comunali del M5S, hanno presentato la proposta sulla tariffa puntuale, e in molti casi, è già operativa.

Se nel programma elettorale e amministrativo del Sindaco si annunciavano regolamenti equi e virtuosi, quale migliore occasione di questa per dare seguito ai suoi propositi? Augurandoci che l'Amministrazione Comunale possa dar seguito alla nostra proposta, per l'eventuale regolamento, suggeriamo di seguire l'esempio del Comune di Capannori, capofila dei Comuni Virtuosi, che ha da tempo deliberato per i propri utenti la “Tariffa puntuale”. 

(il regolamento dI Capannori sulla tariffa puntuale http://www.comune.capannori.lu.it/node/14546 )

LORO non si arrenderanno mai… NOI neppure!

Rieti, 09.09.2015

Meetup Amici di Beppe Grillo

“Grilli Parlanti di Rieti”

Pubblicato in Comunicati

I Grilli parlanti di Rieti rendono noto alla cittadinanza che dopo la nostra segnalazione al Corpo Forestale dello Stato, avvenuta il 20 Aprile c.a., le numerose lastre di eternit di Via Torrente sono state rimosse. Ringraziamo i cittadini che avevano segnalato sui social network la loro presenza che noi abbiamo prontamente recepita. La partecipazione e la condivisione dei molteplici problemi della città sono e saranno sempre al centro del nostro operato.

LORO non si arrenderanno mai… NOI neppure!

Rieti, 09.06.2015

Meetup Amici di Beppe Grillo

“Grilli Parlanti di Rieti”

 

Pubblicato in Comunicati

Il MoVimento 5 Stelle Lazio, in collaborazione con il gruppo locale Grilli Parlanti di Rieti, promuovono l’organizzazione di un tavolo tecnico di lavoro aperto ad Associazioni, Sindacati e Comitati, per elaborare PROPOSTE e SOLUZIONI CONCRETE.

Invitiamo coordinamenti e comitati locali, sindacati territoriali, federazioni medici, infermieri, operatori sanitari, associazioni di volontariato e di difesa dei diritti del malato (sedi provinciali), cittadini attivi nei gruppi locali territoriali e con dimostrate competenze in ambito sociosanitario, a partecipare al tavolo tecnico sulla sanità di Rieti e Provincia “SALVIAMO LA SANITA’ PUBBLICA”, che si terrà Martedì 31 Marzo 2015 dalle ore 15:00 alle ore 19:00 presso l’aula della V Comunità Montana – Montepiano Reatino di Rieti, in via Alessandro Manzoni 10.

RI-scriviamo in modo partecipato e trasparente l’atto aziendale (la verità sulla chiusura degli ospedali, sugli atti aziendali delle asl, sul taglio dei posti letto, sulle case della salute, sull’emergenza pronto soccorso), lo scopo è, infatti, mettere insieme tutti gli attori della sanità per riscrivere l’atto aziendale di Rieti e provincia in modalità partecipata e trasparente, che tenga conto delle reali ed effettive esigenze del territorio.

Durante il tavolo verranno raccolti contributi e proposte e verranno effettuate valutazioni specifiche per produrre un atto aziendale che verrà presentato ufficialmente alla cabina di regia SSR.

Confermate gentilmente la vostra partecipazione, con il nome ed il cognome dei partecipanti ed il nome dell’organizzazione, ai recapiti telefonici o alle caselle di posta elettronica sotto indicati.

Vorremmo un territorio dove in tema di sanità siano direttamente i cittadini a decidere e non i burocrati irresponsabili o addirittura condannati che impongono dall'alto le proprie scelte unilaterali senza tener conto delle effettive esigenze di tutti.

Recapiti telefonici 328 3892018 (Marco) – 339 8177395 (Virginia)

E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.rieti5stelle.com

LORO non si arrenderanno mai… NOI neppure!

Rieti, 26.03.2015

Meetup Amici di Beppe Grillo

“Grilli Parlanti di Rieti”

Pubblicato in Comunicati

Nonostante sette giorni di occupazione  e la visita degli ispettori ministeriali, apprendiamo che la preside del Liceo Classico reatino Lidia Nobili, non trova di meglio che querelare una docente “rea” di aver difeso gli studenti che durante la protesta hanno denunciato l’assenteismo del proprio Dirigente Scolastico.

I Grilli Parlanti di Rieti, nell’unirsi alle centinaia di persone che hanno espresso la solidarietà alla Docente Suor Luisella Maino, si chiedono come sia possibile proseguire un percorso educativo dove in aula i Docenti e gli Alunni discutono e si confrontano su valori come la libertà di pensiero, la tolleranza e il confronto mentre il Dirigente intende gestire la scuola come una sede di partito (dall’alto della sua manifesta militanza politica che le porta in tasca un vitalizio da ex-consigliere regionale di 3187,00 euro al mese a spese del contribuente) mostrando solo il “pugno di ferro”, evitando ogni forma di confronto e non accettando le critiche seppur legittime.

I Grilli Parlanti di Rieti, nell’invitare gli insegnanti e gli alunni a lottare per il diritto ad esprimere la propria opinione, soprattutto quando questa è in dissenso con l’autorità costituita, si mettono a disposizione per fare da tramite con i propri parlamentari e consiglieri regionali affinché si verifichi che i comportamenti del Dirigente scolastico sianoimprontati ai valori educativi tradizionali che i nostri ragazzi hanno diritto di ricevere.

Invitano la preside Lidia Nobili a ritirare la querela antieducativa, essendo sicuri che la giustizia, come sta già facendo la città di Rieti, le riserverà una grande risata.

Loro non si arrenderanno MAI….Noi NEPPURE!

Rieti, 12 marzo 2015

Meetup Amici di Beppe Grillo

Grilli Parlanti di Rieti”

Pubblicato in Comunicati

Lo avevamo promesso durante la conferenza stampa del 16 Aprile 2014 e lo abbiamo fatto, ovvero stiamo seguendo passo passo i lavori inerenti la riqualificazione delle piazze Cesare Battisti e Vittorio Emanuele in corso di esecuzione nell’ambito dei P.L.U.S. (Piano locale urbano di sviluppo).

Riporta la data del 05.02.2015 l’interrogazione a risposta scritta presentata al  MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO a firma del portavoce alla Camera dei Deputati Massimiliano Bernini (e co-firmatari Stefano Vignaroli, Federica Daga, Marta Grande, Alessandro Di Battista, Massimo Enrico Baroni, Luca Frusone http://banchedati.camera.it/sindacatoispettivo_17/showXhtml.Asp?idAtto=31233&stile=7&highLight=1&paroleContenute=%27INTERROGAZIONE+A+RISPOSTA+SCRITTA%27 ) e riguardante la valorizzazione dei reperti archeologici rinvenuti durante i lavori.

Sono venuti alla luce dei resti di mura romane, realizzate in opus reticolatum, tecnica costruttiva in uso nell'antica Roma, specialmente nel periodo repubblicano fino all'età augustea, alla base del quale sono state scoperte anche parti di un pavimento a mosaico; sono stati rinvenuti inoltre altri reperti di origine incerta oltre alla sommità di una cisterna per l’accumulo di acqua verosimilmente dei primi del ‘900.

Il Comune di Rieti ha richiesto alla Soprintendenza una consulenza che stabilisca il valore di quanto ritrovato e dal giorno della scoperta ad oggi sono avvenuti diversi sopralluoghi al fine di concordare con la stessa Soprintendenza le modalità di conservazione e l'eventuale valorizzazione di quanto rinvenuto e le modalità di prosecuzione dei lavori nel cantiere.
Gli interroganti ritengono che una così importante scoperta, quale quella di strutture di epoca romana, potrà dare un maggior senso allo stesso P.L.U.S. (piano locale urbano di sviluppo), riportandolo alla sua vocazione originaria. Infatti, la valorizzazione di questi reperti archeologici, patrimonio della collettività, attraverso eventuali e opportune varianti al progetto originario, oltre ad essere un vanto per la città e per i cittadini, potrà favorire lo sviluppo del turismo verso Rieti.

Non valorizzare adeguatamente questa testimonianza delle antiche civiltà che abitavano quei luoghi, sarebbe un atto di intollerabile miopia e disinteresse nei confronti delle comunità che abitano la zona e che potrebbero ricevere, da una oculata promozione e dallo sfruttamento del patrimonio storico, un'irripetibile occasione in termini di crescita del territorio e sviluppo economico ed occupazionale.

Pertanto con l’interrogazione suddetta si chiede al Ministero competente:

-       se non ritenga, unitamente alle iniziative intraprese dalla Soprintendenza, di dover promuovere ogni azione possibile per valorizzare il patrimonio che sta affiorando nel sito di piazza Vittorio Emanuele II e piazza Cesare Battisti a Rieti, come nei futuri lavori di rifacimento delle altre piazze in programma Plus;

-       quali iniziative intende assumere perché questo rilevante patrimonio archeologico abbia un'adeguata tutela e sia elemento di attrazione turistica e possibilità occupazionale; 

-       se, alla luce dei ritrovamenti, non ritenga opportuno promuovere nella zona reatina una campagna di scavi per riportare alla luce tutti i resti della civiltà romana sepolti e non ancora ritrovati e valorizzare, in seguito, quell'inestimabile patrimonio con azioni mirate a creare un indotto turistico e un'economia adeguata all'importanza della scoperta.

Cordiali saluti.

LORO non si arrenderanno mai… NOI neppure!

Rieti, 09.02.2015

Meetup “Grilli Parlanti di Rieti”

Attivista Ugo Perotti

Pubblicato in Comunicati

E’ di pochi giorni fa la risposta da parte dell’Amministrazione Comunale alla nostra richiesta di chiarimenti sui rapporti contrattuali tra Comune ed Enel - Enel Sole, con  l’elenco dei punti luce di loro proprietà. Da cittadini non capivamo come mai moltissime zone della città potessero rimanere al buio così a lungo, chi fossero i proprietari e a chi rivolgere le lamentele per la mancata erogazione della pubblica illuminazione, vista la regnante confusione e la poca trasparenza dell’amministrazione sulla manutenzione degli impianti e delle cabine, la cui gestione è suddivisa fra amministrazione comunale ed Enel Sole.

Ci è stato fornito l’elenco delle cabine di proprietà della Enel Sole delle varie zone in città e delle frazioni limitrofi, che rendiamo pubblico a beneficio dei cittadini, quello che però ci ha lasciati allibiti è stato che il contratto/convenzione in essere è del 1978 (in allegato) e si rinnova tacitamente di anno in anno.

Ben 37 anni sono trascorsi dall’anno in cui è stata stipulata la convenzione e nessuno ha mai pensato, finora, di rivederne le condizioni, considerato che all’art. 2 si legge “si intende tacitamente prorogata di anno in anno…”.  

Ci chiediamo quindi come sia stato possibile arrivare al 2015, prima con l’amministrazione di centro destra ed ora con quella di centro sinistra, continuando a mantenere una convenzione così palesemente fuori tempo e chissà se non anche economicamente sfavorevole per i cittadini.

Vogliamo ricordare che Enel Sole, che ha attualmente in mano la manutenzione dei punti luce nella nostra città sotto elencati, è stata costituita per ottemperare alle disposizioni per le liberalizzazioni del mercato dell’energia, il famoso Decreto Bersani (D.L. 79/99), che ha imposto a Enel la suddivisione delle attività per trasferirle a società distinte. A Enel Sole srl, con la cessione del ramo d’azienda, è stato trasferito l’intero settore relativo alla pubblica illuminazione, che a oggi consta circa 2 milioni di punti luce, consistente in contratti stipulati prevalentemente con le Amministrazioni pubbliche, di cui molti risalenti al secolo scorso, anni sessanta e settanta appunto.

I tempi e i costi di gestione sono cambiati, ma a quanto sembra all’Amministrazione Comunale non interessa.

A nostro avviso farebbe bene l’Amministrazione a seguire le indicazioni contenute nella nota della Corte dei Conti, sezione Lombardia/160/2013/PAR, nella quale si da “interpretazione dell’art. 1 del d.l. n. 95/2012, convertito con legge n. 135/2012 (“Disposizioni urgenti per la revisione della spesa pubblica con invarianza dei servizi ai cittadini…”) tutto orientato alla riduzione/razionalizzazione della spesa delle amministrazioni pubbliche, in particolare discendente dai costi per acquisti di beni e servizi.

In questa ottica va letto il comma 13 dell’art. 1 del decreto legge, che si inserisce in una serie di disposizioni rafforzanti l’obbligo, per le amministrazioni pubbliche (e, fra queste, per gli enti locali) di utilizzare le convenzioni quadro stipulate da CONSIP (o da centrali d’acquisto regionali) o le piattaforme informatiche di selezione dei contraenti messe a  disposizione da centrali di committenza nazionali, regionali o appositamente costituite (cfr., in particolare i commi 1, 3, 7 e 8, già oggetto di esame da parte della scrivente Sezione regionale di controllo nei pareri n. 89/2013 e n. 112/2013)”.

Il diritto di recesso è attribuito all’amministrazione subordinatamente alla mancata riconduzione, da parte del fornitore, del corrispettivo delle prestazioni al limite di qualità/prezzo previsto da una convenzione CONSIP vigente. Il precetto è rafforzato dal legislatore sia ammettendo l’esercizio “in qualsiasi tempo” (senza dar rilievo ad elementi come, per esempio, la durata residua della convenzione o il pregresso affidamento in conformità a procedure di evidenza pubblica), sia esplicitando la nullità di qualunque patto contrario, nonché l’inserimento di diritto della clausola nel contenuto negoziale del contratto ai sensi dell’art. 1339 del codice civile”.

Questi sono passaggi che l’Amministrazione avrebbe dovuto conoscere e mettere in pratica quanto prima, ma ad oggi si è voluto pensare a tutt’altro che al bene e alla sicurezza dei propri cittadini.

In un prossimo comunicato suggeriremo una risoluzione del problema, con una seria proposta per la sicurezza pubblica e per il bene delle casse comunali.

LORO non si arrenderanno mai… NOI neppure!

Rieti, 05.02.2015

Meetup Amici di Beppe Grillo

“Grilli Parlanti di Rieti”

Pubblicato in Comunicati

In riferimento alla nota del Comune di Rieti (http://www.comune.rieti.it/article/15/01/precisazione-settore-ambiente-discarica-localit-pian-de-rosce#sthash.JbyR4kpm.dpuf), relativamente alla discarica di rifiuti solidi urbani, rinvenuta in località Pian de Rosce di Terminillo, si richiede all'Amministrazione Comunale:
1) il nome del responsabile del procedimento incaricato del progetto di bonifica e lo stato di richiesta del finanziamento alla Regione
2) Il nome della ditta incaricata dello smaltimento.

3) Se sono state svolte indagini per l’individuazione della ditta o della società, responsabile dello smaltimento illegale.

Inoltre noi dei Grilli Parlanti di Rieti ci domandiamo perché, nonostante la prima denuncia risalga a tre anni fa, il Comune non abbia pensato a porre sotto sequestro l'area per impedirne l'accesso onde evitare i nuovi sversamenti (come testimoniato da diversi cittadini).
Sempre in base alla nota del Comune, l'abbandono dei rifiuti risalirebbe agli anni 60/80, quindi vi chiediamo se siano state predisposte analisi accurate tramite la ASL e/o Arpa, per verificare se la discarica  abbia compromesso il regime idrografico sottostante.

La tutela dell'ambiente e la salute dei cittadini valgono più di 200.000 euro.                                                                

LORO non si arrenderanno mai… NOI neppure!

Rieti, 24.01.2015

Meetup Amici di Beppe Grillo

“Grilli Parlanti di Rieti”

Pubblicato in Comunicati

Al Sig. Sindaco di Rieti S.Petrangeli

All’ Ass. re all’ambiente C. Ubertini

p.c. al Comando della Polizia Municipale

Segnalazione di una discarica abusiva a Pian de Roche (Monte Terminillo)

A seguito delle diverse segnalazioni pubblicate pochi giorni fa sulla stampa on-line, in merito alla presenza di una discarica abusiva di rifiuti solidi urbani in località Pian de Roche (Monte Terminillo), nei pressi dell’ex vivaio del Corpo Forestale dello Stato, il gruppo locale del M5S, “Grilli parlanti di Rieti”, ha effettuato un sopralluogo sul posto.

Ciò che è emerso immediatamente, è il totale abbandono e la poca attenzione da parte delle istituzioni al problema sollevato, nonostante Legambiente già dal 2012, con una segnalazione alle autorità competenti, lo avesse già evidenziato; da allora lo stato dei luoghi è rimasto colpevolmente inquinato, come dimostrano le foto allegate.

Riteniamo che un rilancio turistico del Terminillo non può assolutamente prescindere dal rispetto e tutela dell’ambiente in tutte le sue molteplici sfaccettature.

Per quanto premesso ci sentiamo in dovere di riproporre il problema alla stampa e all’opinione pubblica e di segnalarlo nuovamente all’Amministrazione Comunale, previa denuncia verso ignoti effettuata da un nostro attivista presso gli Uffici del Comando Provinciale del C.F.S di Rieti. Si rende noto inoltre, che il problema sin qui irrisolto, è stato prontamente segnalato anche ai nostri portavoce parlamentari, affinchè si possa giungere ad un interessamento e intervento anche da parte del Ministero dell’ambiente, visti i noti vincoli paesaggistici del Monte Terminillo.

In attesa di un pronto intervento e di una adeguata bonifica dei luoghi interessati, da parte degli Uffici preposti, si resta a disposizione anche per favorire l’immediata individuazione della discarica.

Cordiali saluti.

LORO non si arrenderanno mai… NOI neppure!

Rieti, 21.01.2015

Meetup Amici di Beppe Grillo

“Grilli Parlanti di Rieti”

Pubblicato in Comunicati

Gli onesti di tutta Italia sono invitati a partecipare! Insieme a noi ci saranno Sabina Guzzanti, Fedez, Salvatore Borsellino, Ferdinando Imposimato, Enrico Montesano, Andrea Sartoretti, Claudio Santamaria e Claudio Gioè che reciteranno brani tratti dalle intercettazioni di Mafia Capitale e tanti altri che stanno dando la loro adesione in queste ore. Sostieni l'evento con una donazione.

PER CHI VORRA' PARTECIPARE, I GRILLI PARLANTI DI RIETI VI DANNO L'APPUNTAMENTO ALLE ORE 15 davanti la caserma dei vigili del fuoco tra Via Sacchetti Sassetti e Via Salaria per Roma.

A riveder le stelle!

Vai al sito

Scarica il volantino

 

Pubblicato in Comunicati

In molti si chiederanno il perché del referendum e noi cercheremo di spiegarlo in questa sintesi.

Sovranità monetaria. Nel 2015 l’Italia pagherà 98 miliardi di interessi sul debito pubblico, quando monti fu imposto all’Italia perché avevamo interessi troppo alti ne pagavamo 78. riprendiamoci la sovranità monetaria per stampare una moneta associata al valore della nostra economia ed evitare di essere strozzati dagli interessi delle banche private. Più lavoro. Con l’euro siamo arrivati al record storico di di 3,41 milioni di disoccupati, erano 1.000.000 in meno nel 1997. le imprese sono costrette a licenziare oppresse da una tassazione abnorme imposta per rimanere nei parametri dall’euro. Fuori dall’euro per liberare le imprese e creare più lavoro! Più investimenti. Il governo non può stampare la sua moneta per finanziare investimenti produttivi. nessuna politica industriale perché ogni euro speso deve essere restituito con gli interessi, controllati dalle banche private. Fuori dall’euro per investire nel futuro dell’Italia.

Più Stato sociale. Per stare nell’euro all’Italia vengono imposti tagli lineari e selvaggi su sanità, welfare e scuola.Fuori dall’euro per conservare lo Stato Sociale. Sviluppo delle nostre imprese. Con l’euro la produzione industriale italiana è scesa del 25%. nello stesso periodo la produzione industriale della Germania è aumentata del 26%. ogni ora in Italia falliscono due imprese. Fermiamo l’emorragia. Fuori dall’euro per sviluppare le nostre imprese. Tutela del made in italy. L’euro ha fatto dell’Italia terra di conquista. I gruppi stranieri hanno speso circa 55 miliardi di euro per comprarsi i marchi italiani più famosi. una strage delle imprese che porta l’economia al collasso. Fuori dall’euro per salvare le imprese del Made in Italy e recuperare la nostra identità. Ripresa economica. Con l’euro l’Italia è in recessione da anni, il Pil è ai livelli del 2000. Uscire dall’euro consentirà alle imprese di essere più competitive nelle esportazioni e creare nuovo lavoro e ricchezza per il Paese. Fuori dall’euro per non morire, fuori dall’euro per vivere.

Per questi motivi, ma anche per eventuali proposte, istanze, segnalazioni, da inoltrare successivamente all’attenzione dell’amministrazione comunale, noi dei Grilli Parlanti di Rieti, saremo presenti con un nostro banchetto per la raccolta firme il giorno 27 Dicembre dalle ore 14 alle ore 20 in Piazza Cavour, davanti il monumento della Lira!

Vi aspettiamo…diamo un FUTURO all’ITALIA!

Loro non si arrenderanno Mai...Noi Neppure!

Rieti, 26 Dicembre 2014

Meetup Amici di Beppe Grillo

Grilli Parlanti di Rieti 

Pubblicato in Comunicati
Pagina 1 di 6