• Beppe Grillo a Rieti
  • Di Battista a Rieti campagna elettorale elezioni Europee 2014
  • Marcia Onestà
  • Donne in Movimento. Le donne del M5S a Rieti 8 Marzo 2014
  • Grilli Parlanti alla Marcia dell'Onestà con Paola Taverna

Diversi cittadini ci segnalano due differenti situazioni, una che riguarda la centrale a biomassa di Cittaducale e l'altra, grazie all'interessamento del noto ambientalista Benito Rosati e nostro attivista, su una discarica in località Collefegato di Borgorose (Rieti).

Per ciò che riguarda la centrale a biomassa, siamo venuti a conoscenza del suo “sequestro preventivo”, emesso dal Tribunale di Rieti, in data 19 Luglio c.a. e ci siamo recati sul posto (come testimoniato dalla foto allegata). Una volta accertata la veridicità della segnalazione e in mancanza di informazioni pubbliche, CHIEDIAMO al Sindaco di Cittaducale Roberto Ermini, di far conoscere all'opinione pubblica, quale siano state le ragioni per aver portato al “sequestro preventivo” la suddetta centrale. Non siamo mai stati e mai lo saremo, d'accordo sull'installazione di tali centrali nel territorio locale e ci batteremo in futuro affinchè questo non accada mai anche nel territorio reatino. Ricordiamo a tutti, che i cittadini residenti di S. Rufina, lamentavano un disagio continuo nei confronti dei fumi sprigionati dalla centrale e per questo ne chiedevano il controllo alle autorità competenti, Sindaco compreso. A questo punto il dubbio e la curiosità di conoscere il reale motivo del sequestro, dovrebbe essere considerato un atto dovuto nei confronti dei propri cittadini da parte del primo cittadino di Cittaducale, il quale dovrebbe per la trasparenza, renderli consapevoli del reato che viene contestato ai proprietari della centrale a biomassa.

Nel secondo episodio, vorremmo far presente al Sindaco di Borgorose, Mariano Calisse,  la MONTAGNA DI RIFIUTI presenti  lungo la strada “chiusa ai mezzi non autorizzati” di Collefegato che fiancheggia la SS578,  e che molti residenti indicano come luogo di “pellegrinaggio” continuo per il deposito incontrollato di rifiuti di vario genere, pericolosi e non. A quanto pare la situazione va avanti da molto, troppo tempo e sarebbe anche giunta l'ora che il Sindaco prendesse provvedimenti il più presto possibile, convinti che ha a cuore l'ambiente e la salute dei cittadini.

Invitiamo pertanto il Sindaco di Borgorose, ad indicare quali misure sono state già eventualmente adottate e quelle che si intendono adottare, anche in via preventiva e sotto forma di controllo, per fronteggiare il dilagante e sempre crescente denunciato fenomeno, che sta rendendo la situazione davvero insostenibile. Tra pochi giorni ci recheremo nuovamente sul posto, con la speranza che nel frattempo qualcosa sia cambiato, altrimenti saremo costretti ad avviare tutte le procedure del caso, per segnalare alle autorità competenti, la suddetta discarica, con tutte le responsabilità amministrative che ne deriveranno.

Rimaniamo in attesa delle risposte dei sindaci di Cittaducale e di Borgorose.

E' un vostro dovere nei confronti dei vostri cittadini tutelare la loro salute e quella dell'ambiente. Dimostratelo.

Loro non si arrenderanno MAI… NOI NEPPURE!

Rieti, 01.08.2016

Meetup Amici di Beppe Grillo

“Grilli Parlanti di Rieti”

Pubblicato in Comunicati

Devid Porrello, capogruppo del M5S Lazio, dichiara:
"L’amianto rappresenta una delle sostanze più pericolose per la salute dell’uomo, come certificato dal suo divieto di utilizzo, ma all’ospedale De Lellis di Rieti qualcosa non ha probabilmente funzionato. Cittadini reatini, tra cui l'attivista Rossi Marco del Meetup locale "Grilli Parlanti di Rieti" e due volontari dell'Associazione Cittadinanzattiva e del Tribunale dei diritti del malato, hanno segnalato infatti i lavori di bonifica presso la struttura ospedaliera e chiesto di verificare l’attività della ditta subappaltatrice, nel pieno rispetto della normativa in materia e della tutela della sicurezza di pazienti, operatori sanitari e impiegati dell’azienda aggiudicataria degli interventi di manutenzione delle pavimentazioni in vinil amianto. Come testimoniato da alcune fotografie e verificato dagli agenti di pubblica sicurezza intervenuti, l’area interessata dai lavori risultava isolata dal resto della struttura da un telo di plastica mal posizionato in alcuni punti, che non impediva la diffusione della polvere presumibilmente ricca di fibre di amianto. Anche gli operai erano privi di qualsiasi presidio di protezione, come tute e maschere. Quanto sopra descritto è stata la situazione che si presentava ai volontari dell'Associazione, all'attivista dei Grilli Parlanti e agli agenti di polizia intervenuti sul posto. Grazie all'esposto presentato in Procura e alla segnalazione ai NAS di Viterbo, per la verifica di quanto sopra descritto e salubrità ambientale, si sono attivate tutte le procedure di monitoraggio della qualità dell'aria, con prelievi a campione anche della polvere presente in loco."

Gruppo Consiliare M5S Regione Lazio

Pubblicato in Comunicati

Non è la prima volta che parliamo di questo problema che evidenzia la cattiveria degli esseri umani. Dopo l’episodio di marzo, nei pressi dell’asilo di Villa Reatina, in questi ultimi giorni sono stati segnalati ulteriori episodi di violenza e di avvelenamenti su delle malcapitate bestiole indifese.

A Quattrostrade si è verificato il triste ritrovamento di 4 gatti morti per avvelenamento,  mentre a Contigliano un cane domestico è stato preso a bastonate.

Sia nel 2013 che nel 2014, noi Grilli Parlanti di Rieti abbiamo chiesto al Sindaco di Rieti ed al Prefetto, per quanto alle rispettive competenze, di adottare quanto previsto nell’ordinanza del 10  febbraio 2012 del Ministero della Sanità, in proroga sembra anche per quest’anno.

http://agronotizie.imagelinenetwork.com/difesa-e-diserbo/2015/03/06/esche-e-bocconi-avvelenati-prorogata-l-ordinanza/42136 http://www.geapress.org/animali-in-emergenza/avvelenamenti-ordinanza-il-ministero-della-salute-non-ha-ancora-comunicato-rinnovo/66985 .

Il riscontro delle nostre richieste non è mai pervenuto e non risulta essere mai stata adottata alcuna iniziativa per tutelare gli animali ed i bambini che potrebbero inavvertitamente venire a contatto col veleno, così come non risulta essere mai stata data comunicazione, tramite avvisi pubblici, della pericolosità del fenomeno.

Al Sindaco chiediamo ancora una volta, oltre al rispetto di quanto previsto nell’ordinanza vigente, anche di disporre l’apertura delle indagini di competenza, individuando le attività di bonifica delle aree, provvedendo all'intensificazione dei controlli previsti, da parte della Polizia Municipale, dando la necessaria pubblicizzazione, nonché adottando le ordinanze di emergenza sanitaria o di igiene pubblica di stretta competenza.

Al Prefetto chiediamo ancora i motivi della mancata attivazione del Tavolo di coordinamento per la gestione degli interventi ed il monitoraggio del fenomeno degli avvelenamenti degli animali, nonché l’individuazione delle modalità di coordinamento delle varie Forze di Polizia, a tutela degli animali, secondo le competenze che derivano dalla gestione dell’Ordine e Sicurezza Pubblica, spettanti al rappresentante del Ministero dell’Interno.  

I Grilli Parlanti di Rieti ed i cittadini, indignati per quanto accade agli animali, sensibili e rispettosi dell’ambiente e di tutti gli esseri viventi, chiedono di conoscere cosa la Pubblica Amministrazione stia facendo o abbia intenzione di fare per fronteggiare questa emergenza che si ripete, in parallelo al fenomeno degli abbandoni, in particolari periodi dell’anno, forse legati a dinamiche interiori di coloro che compiono tali reati che, purtroppo, restano troppo spesso senza colpevoli, senza testimoni e senza giustificazioni, a danno di esseri indifesi che rischiano di fare una brutta fine, di dover rimanere segregati in casa per scongiurare ogni rischio.

LORO non si arrenderanno mai, NOI… neppure!

Rieti, 12.05.2016

Meetup Amici di Beppe Grillo “Grilli Parlanti di Rieti

Attiviste Virginia Baglione/ Valeria Pitoni 

Pubblicato in Comunicati

Oramai quando alla prenotazione delle visite ci danno tempi biblici di attesa, sembra quasi normale, come fosse "scontato", eppure il diritto alla salute è uno dei nostri principali diritti e va sempre tutelato.

Tante sono state le cosiddette "manovre" poste in essere per ovviare alle sempre più prolungate attese, ma fa ancora più caso come siano impietose, queste lunghe liste di attesa, anche nei confronti di chi ha seri problemi di salute.

Alcuni pazienti, affetti da patologie invalidanti o con insorgenza di acuzie, che necessitano di controlli specialistici, una volta visitati dal loro Medico di Base, se questi ritiene di dover approfondire gli accertamenti e gli richiede visite o analisi, indipendentemente dall’urgenza, si trovano davanti a liste di attesa sconvolgenti; questi alcuni esempi dei tempi di attesa realmente rilevati da pazienti che si sono recati al CUP il 19 aprile u.s. per prenotare delle visite:

  • visita oculistica appuntamento per il 28 luglio 2016
  • rx al torce appuntamento per il 2 maggio 2017
  • eco addome appuntamento per il 21 marzo 2017.

Tutto ciò non è solo scandaloso, ma oltraggioso nei confronti di chi non sta bene, di chi non ha possibilità economiche per ricorrere al privato in questo paese "civile" non  più  tale ed  in cui le tasse sono tante ed elevate ma non equivalgono alla qualità dei servizi erogati, che troppo spesso sono anche carenti e poco tempestivi.

Nel quadro generale del rapporto paziente/sistema sanitario, si ha come la sensazione che il paziente non venga più considerato come persona che ha diritto a star bene, ma come un mezzo per far cassa, sia essa pubblica che privata; eppure con l'arrivo dell'intramoenia si sarebbero dovute ridurre le liste di attesa, invece, per un incomprensibile fenomeno, esse sembra che siano addirittura più lunghe, come se la normalità debba diventare la visita privata o in intramoenia a discapito del servizio pubblico.

Per quale strano fenomeno avviene ciò? A cosa porterà questa "privatizzazione" silente se non a discriminare i meno abbienti e i meno fortunati che devono ricorrere a delle cure?

La scarsa qualità dell'offerta di cura non si giustifica: in uno Stato in cui il cittadino è il fulcro di ogni gestione, in uno Stato in cui si rispettano i propri abitanti, la scarsa qualità verrebbe considerata come reato nei confronti del popolo, come una sorta di sottrazione illecita di un diritto sacrosanto.

Ai dirigenti della ASL di Rieti e ai Sindaci dei Comuni che si servono del nosocomio reatino, chiediamo che si impieghino per una maggiore prevenzione, che ridurrebbe già di suo i costi delle maggiori cure postume, riducendo anche il numero dei malati, e che analizzino con cura i vari perché di questo fenomeno, ponendo immediatamente in atto tutte le misure necessarie per dare ai propri cittadini la possibilità di non essere emarginati o condannati in caso di malattia.

Proponiamo:

  • che vengano ampliati i tempi delle visite (quelle svolte come compiti istituzionali);
  • che vengano regolarizzate (almeno con un regolamento interno) le visite in regime di intramoenia (ad esempio in regime di intramoenia non si dovrebbero far fare più di un terzo delle visite che vengono fatte durante lo svolgimento del servizio istituzionale);
  • che vengano eliminati (ove possibile) tutti quei costi accessori (extra ticket Regione Lazio di Euro 10 per ogni ricetta per copertura debito sanitario) che disincentivano il flusso degli utenti verso la struttura pubblica, facendogli preferire il privato che non li applica, sortendo, quindi, l’effetto contrario;
  • che si riorganizzi il Pronto Soccorso ed evitare così che le persone debbano "soggiornarvi" per lunghi periodi, garantendo anche una maggiore riservatezza nel momento della collocazione in osservazione ed in attesa di valutazione medica;
  • che vengano acquistati quei presidi indispensabili per alleviare la degenza ai malati e per prevenire l'insorgere di altre malattie connesse alla degenza (a volte ci sono ma sono insufficienti e spesso inadeguate).

Questi sono solo alcuni esempi che da profani ci vengono in mente, si potrebbe fare molto per migliorare la qualità dei servizi resi dalla ASL di Rieti e di esempi ce ne sarebbero tantissimi altri ancora, alcuni realizzabili direttamente ed altri col tempo, però si inizi a regolamentare, per quanto di competenza, certe abitudini nocive sin da ora.

Il cittadino è il fulcro della società ed il rispetto dei suoi diritti è ciò che determina un "paese civile".

Basta con le promesse, occorrono fatti concreti.

LORO non si arrenderanno mai, NOI …neppure!

Rieti, 03.06.2016

Meetup Amici di Beppe Grillo

"Grilli Parlanti di Rieti"

Pubblicato in Comunicati

I portavoce consiglieri del Movimento 5 Stelle Porrello, Blasi, Pernarella, Perilli, Corrado Denicolò e Barillari, in collaborazione con i Grilli Parlanti di Rieti hanno presentato in data 24.03.2016 una interrogazione urgente a risposta scritta riguardante il completamento della S.R. 578 Rieti – Torano.

( http://atticrl.regione.lazio.it/interrogazioniScritte_dettaglio.aspx?id=1275#.VwIq1KSLTIV )

Nelle premesse si ricostruiscono i passaggi più controversi di tale opera da quando la Regione ha delegato la Provincia di Rieti alla progettazione e realizzazione dell’ultimo tratto dell’arteria stradale da Ville Grotti a Rieti. Dopo il completamento del I lotto da Ville Grotti a Grotti, la Provincia ha predisposto nel giugno 2011 un progetto preliminare per il II

lotto di completamento da Grotti a Rieti ed il RUP ha convocato l'apposita conferenza dei servizi per il 27.07.2011 revocandola subito dopo dato il rigetto del progetto, da  parte della Commissione Urbanistica del Comune di Rieti, perché non recepiva il progetto definitivo approvato dalla Regione ed avrebbe provocato danni al fondovalle del fiume Salto ed all'abitato della frazione del Comune di Rieti Casette.

Il progetto preliminare del II lotto diviso in due sub-stralci, è stato sottoposto ad una nuova conferenza dei servizi apertasi il 14.05.2012 e chiusasi con l’approvazione nonostante  il parere negativo della Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Lazio per

le numerose criticità dovute a vincoli Archeologici e Paesaggistici.

Date le criticità di natura ambientale emerse in sede di conferenza dei servizi e quelle di natura espropriativa emerse durante la predisposizione del progetto definitivo, la Provincia ha approvato con  D.C.P. n° 81 del 21.08.2014, senza sottoporlo ad una nuova conferenza dei servizi un nuovo progetto preliminare per il Il lotto di completamento in un unico stralcio, tale progetto ricalca in gran parte il precedente tranne nella parte terminale dove invece che allacciarsi direttamente nella SS 4, confluisce sul tratto della SS 578 Salto Cicolana da Casapenta a Rieti Est  perdendo con ciò la funzionalità originaria della strada Rieti-Torano.

Premesso questo si interroga il Presidente della Giunta regionale On Nicola Zingaretti e l’assessore competente, On. Fabio Refrigeri, di fornire informazione riguardo le seguenti questioni:

- Quali siano le misure che la Regione Lazio intende intraprendere al fine di migliorare la funzionalità dell’opera di collegamento tra Rieti e Torano garantendo la tutela dell’ambiente, dei beni Culturali, Paesaggistici, la salute e i diritti dei cittadini residenti nell’area interessata oltre che la tutela dei Siti di Importanza Comunitaria presenti;

- Quali siano le misure che la Regione Lazio intende intraprendere al fine di riportare la progettazione e l'esecuzione di detta importante infrastruttura sul piano della piena funzionalità e sul piano della piena legittimità conseguente ad atti deliberativi congruenti, trasparenti e di pieno ed esclusivo interesse per la collettività.

LORO non si arrenderanno mai… NOI neppure!

Rieti, 04.04.2016

Amici di Beppe Grillo

Grilli Parlanti di Rieti

Pubblicato in Comunicati

In merito alla questione “Gala-Solsonica”, volevo comunicare la mia vicinanza ai 124 operai che rischiano il licenziamento.

Il mio auspicio è che domani nei due tavoli tecnici che si svolgeranno al MISE e in Regione, le Istituzioni si adoperino affinché sia scongiurata la possibilità dei licenziamenti, attuando quanto promesso negli incontri precedenti.

Sarebbe quanto meno una boccata di ossigeno anche se il caso “Solsonica” è lo specchio di ciò che fin troppo spesso accade in Italia, dove le spese per decisioni scellerate da parte della politica sono sempre a carico dei più deboli!

La stessa politica che promette impegno e soluzioni ma che all’interno della stanza dei bottoni decide di “aiutare” le fonti di energia fossili a discapito di quelle rinnovabili.

Come M5S abbiamo più volte ribadito, dati alla mano, che investire sulle energie rinnovabili potrebbe essere uno dei volani per una ripresa economica del nostro Paese, purtroppo però l’Esecutivo non sembra essere dello stesso avviso e con le sue scelte altro non fa che affossare il settore già duramente colpito dalla crisi economica.

Vorrei anche ricordare l'impegno del gruppo locale dei "Grilli Parlanti di Rieti" che solidarizzano con i lavoratori e seguono passo passo le vicende locali informando i loro referenti.

Rieti, 30.03.2016

Portavoce Movimento 5 Stelle

Deputato Massimiliano Bernini

Meetup Amici Beppe Grillo

Grilli Parlanti di Rieti

Pubblicato in Comunicati

I Grilli Parlanti di Rieti il giorno 2 Aprile c.a., dalle ore 10 alle ore 20, davanti al parcheggio del centro commerciale “I Cubi” in Via O. di Fazio, effettueranno una raccolta firme rivolta a tutti i residenti e non. Con l'occasione si chiede all'Amministrazione comunale e agli uffici preposti, stante la pericolosità legata alla alta intensità di traffico lungo Via O. di Fazio, da e per il nucleo industriale e l'Ospedale San Camillo de Lellis, l'installazione di un semaforo a chiamata ed un segnale luminoso, in corrispondenza delle strisce pedonali in prossimità dell'incrocio tra Via O. di Fazio e Via Fratelli Tizi, nel punto antistante il piazzale adibito a parcheggio ad uso degli impianti sportivi (pattinodromo e PalaSojourner), in cui recentemente è occorso un incidente che ha visto coinvolta una giovane donna mentre attraversava le poco visibili strisce pedonali.

Si chiede, inoltre, un intervento di rifacimento dell'asfalto, per sistemare le numerose buche ivi presenti.

Sicuri di una massiccia adesione alla petizione, promossa per la sicurezza dei pedoni, specie i più piccoli e gli anziani, vi aspettiamo per firmare.

NON PERDIAMO QUESTA OPPORTUNITA'. 

Rieti, 30.03.2016

Meetup Amici di Beppe Grillo

“Grilli Parlanti di Rieti”

Pubblicato in Comunicati

In merito alla vicenda della Solsonica S.p.A. di Rieti, a seguito di una visita che ho effettuato venerdì 26 febbraio, ho depositato un’interrogazione Parlamentare ( http://aic.camera.it/aic/scheda.html?numero=4/12340&ramo=CAMERA&leg=17 ) che chiede al Ministro di competenza di riaprire il tavolo di vertenza a livello nazionale per valutare nuovamente la questione ed evitare in tutti i modi che si perda forza occupazionale nello stabilimento.

Come chi segue la vicenda già saprà, il rischio è che con l’acquisizione della Solsonica S.p.A. da parte di GALA tech, circa 130 operai potrebbero perdere il lavoro.

Il piano di acquisizione firmato ai tavoli del MISE in presenza delle OO. SS. prevede che GALA Tech applichi il diritto di precedenza degli operai già assunti da Solsonica in caso di assunzioni, ma non prevede nessun obbligo di assunzione.

Il problema è grave e causato oltre che dallo stato di crisi che vive il nostro Paese ormai da alcuni anni, anche da certe politiche scellerate dell’Esecutivo che se da una parte sguinzaglia i suoi uomini sul territorio per annunciare prese di posizione in difesa dei lavoratori, a livello centrale attua scelte che vanno nella direzione contraria.

Come ad esempio quelle prese nel cosiddetto Dl competitività del 2014 che ha rimodulato retroattivamente le tariffe incentivanti al fotovoltaico di fatto togliendo soldi al settore che di conseguenza subisce un’ulteriore crisi, nonostante a tutti siano note le potenzialità che potrebbero avere le energie rinnovabili nel nostro Paese!

A tutto ciò aggiungiamo che di recente, all’interno del provvedimento cosiddetto mille proroghe, si è approvato un ampliamento della riforma sulla tariffa elettrica che oltre ai privati coinvolge anche il reparto industriale agricolo e artigianale, e che disincentiva tutti quegli interventi di efficientemento energetico e autoproduzione di energia da fonti rinnovabili che avrebbero dovuto essere il nostro pilastro di una politica industriale energetica.

Un ringraziamento va al gruppo locale Meetup Amici di Beppe Grillo "Grilli Parlanti di Rieti" per avermi girato l'interesse per gli operai sopra indicati e la collaborazione per la stesura del testo della mia interrogazione.

LORO non si arrenderanno mai… NOI neppure!

Rieti, 23.03.2016

Portavoce Movimento 5 Stelle

Deputato Massimiliano Bernini

 

Meetup Amici Beppe Grillo

Grilli Parlanti di Rieti

Pubblicato in Comunicati

E’ di questi giorni la notizia che gli abitanti di Casette, stanchi delle condizioni in cui versa la strada che attraversa il loro centro abitato, hanno dato vita ad una singolare, quanto sacrosanta protesta, esibendo delle lenzuola  come striscioni  per denunciare lo stato dell’arteria stradale.

Noi “Grilli Parlanti di Rieti”, attenti alle esigenze dei cittadini, abbiamo coinvolto il Portavoce del Movimento 5 Stelle alla Regione Devid Porrello che ha presentato in data 24 Febbraio c.a. un’interrogazione urgente a risposta scritta, per chiedere all’Assessore alle Infrastrutture, Enti Locali e Politiche Abitative, Fabio Refrigeri, di sollecitare la realizzazione degli interventi di messa in sicurezza previsti per la SR578 e la ricognizione del manto stradale nei tratti urbani per futuri interventi a breve o lungo termine, visto anche che tra gli interventi previsti dalla Deliberazione di Giunta Regionale n. 420 del 2014 figurava la sistemazione della pavimentazione ammalorata tra il km 2 e il km 3+500 e tra il km 6+500 e 8+350 della Strada Regionale 578 per un importo stimato di almeno 500.000 euro.

I lavori di rifacimento del manto stradale ora non sono più rinviabili, considerando che le condizioni della strada non sono tali da garantire la circolazione in sicurezza del traffico veicolare.

E’ ora che si rispettino i cittadini, le cospicue tasse che pagano sono per avere dei servizi, per avere una migliore qualità di vita e perché vengano riconosciuti i loro bisogni, non di certo quello di rischiare incidenti per  accedere alle proprie abitazioni.

Siamo stanchi di transitare su dei colabrodi tortuosi, paghiamo salatissime somme per la “gestione” della nostra città, sarebbe ora che i nostri “amministratori” ci facciano vedere che vengono utilizzate per il nostro bene e per tutto ciò che più ci serve.

LORO non si arrenderanno mai… NOI neppure!

Rieti, 25.02.2016

Meetup Amici di Beppe Grillo

 “Grilli Parlanti di Rieti”

Pubblicato in Comunicati

Il Movimento 5 Stelle aderisce all'evento nazionale #svegliatitalia, promosso dalle associazioni Lgbt, in programma sabato 23 gennaio, nelle principali piazze italiane, per sostenere diritti uguali per tutti.

Saremo in Via Mercatanti, fronte Centro Commerciale Perseo, dalle 15:30 alle 20:00, per sostenere l'uguaglianza ed i diritti umani che da troppo tempo attendono una risposta civile nel nostro paese, e per ascoltare le proposte e le segnalazioni dei cittadini in merito alla nostra città.

Il M5S è da sempre al fianco di tutte le famiglie affinché le discriminazioni non trovino cittadinanza in Italia, il nostro paese è ormai maturo per garantire pieni diritti a tutti, ecco perché il Movimento 5 Stelle si impegna, a tutti i livelli istituzionali, per garantire pari diritti a tutti i cittadini, anche a prescindere dall'orientamento sessuale o identità di genere e per promuovere il contrasto ad ogni forma di odio contro gay, lesbiche, bisessuali e transessuali ecc.

Il nostro impegno è garantito non solo in Senato ma anche in ogni sede istituzionale in cui siamo presenti.

Saremo in piazza per gridare a gran voce #Svegliatitalia  ‪#‎SvegliatiRieti

LORO non si arrenderanno mai… NOI neppure!

Rieti, 22.01.2016

Meetup Amici di Beppe Grillo

“Grilli Parlanti di Rieti”

Pubblicato in Comunicati
Pagina 1 di 10