• Beppe Grillo a Rieti
  • Di Battista a Rieti campagna elettorale elezioni Europee 2014
  • Marcia Onestà
  • Donne in Movimento. Le donne del M5S a Rieti 8 Marzo 2014
  • Grilli Parlanti alla Marcia dell'Onestà con Paola Taverna

Riporta la data del 24.11.2015 l’interrogazione a risposta scritta a firma del portavoce regionale Devid Porrello, con la quale si interroga l’Assessore alle Infrastrutture, Politiche abitative e Ambiente, Fabio Refrigeri, in merito alla delibera dell’Anac (Autorità Nazionale Anticorruzione) nei confronti del Comune di Leonessa.

L’Autorità Nazionale Anticorruzione, con delibera n. 70 del 23 settembre 2015 (http://www.anticorruzione.it/portal/public/classic/AttivitaAutorita/AttiDellAutorita/_Atto?id=38a7f1f60a7780425ca0ab4db71d1d7e) ha esaminato alcuni affidamenti diretti di incarichi professionali (progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva) degli impianti funiviari di Campo Stella e Monte Tilia, aventi come stazione appaltante il Comune di Leonessa, evidenziando alcuni elementi (meglio descritti nella delibera allegata) che rendevano poco chiaro il comportamento della Stazione Appaltante.

Dopo aver ricostruito i fatti che hanno portato l’Anac ad emettere la delibera suddetta, si è pervenuti alla interrogazione in oggetto, dove sinteticamente si chiede all’assessore competente se alla luce delle considerazioni e dei provvedimenti presi dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, consideri opportuno intraprendere azioni di controllo e verifica sugli stanziamenti erogati, e da erogare, al Comune di Leonessa e all’intero progetto Terminillo Stazione Montana.

Teniamo a precisare, che NOI SIAMO DALLA PARTE DELLA LEGALITÀ E DELLA TRASPARENZA PER TUTTI I LIVELLI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, e che siamo assolutamente favorevoli ai controlli dell’ANAC, come pensiamo lo debbano essere anche gli amministratori pubblici che nulla hanno da nascondere ma che, anzi, affronterebbero con serenità l’interesse da parte dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, uscendone a testa alta e rafforzati dal loro operato, qualora tali rilievi diano esiti favorevoli nei loro confronti.  A differenza delle passate “stagioni” politiche, il M5S, oltre ad essere pronto ad assumersi la responsabilità di governare il paese, ha anche il compito di controllare qualsiasi atto amministrativo da parte di chi governa, a partire dalle amministrazioni delle città più piccole, fino al Parlamento; non é più tempo di sprecare denaro pubblico, ben vengano quindi non uno, ma tutti i controlli possibili perché i cittadini devono essere tutelati.

Noi dei “Grilli Parlanti di Rieti”, per quanto di nostra competenza e possibilità, lo stiamo facendo, e lo faremo per tutti.

Per consultare il testo dell’interrogazione questo è il relativo link:

http://atticrl.regione.lazio.it/interrogazioniScritte_dettaglio.aspx?id=1136#.VloV3fkvfIV

LORO non si arrenderanno mai… NOI neppure!

Rieti, 04.11.2015

Meetup Amici di Beppe Grillo

“Grilli Parlanti di Rieti”

Pubblicato in Comunicati

Riporta la data del 13.07.2015 la relazione Tecnica relativa alla procedura di valutazione di incidenza sul progetto di ristrutturazione e ampliamento impianti sciistici nel comprensorio del Monte Terminillo – Stazione Montana del Turismo responsabile, nella quale si esprime parere non favorevole al progetto. Tale relazione, rilasciata all’interno del procedimento di VIA, così come prescritto dalla legge (art. 5 comma 4 del DPR n. 357/1997), si è basata sugli elaborati progettuali presentati dal proponente (Provincia di Rieti) tra cui:

- Studio di Impatto ambientale – Studio di incidenza (tav. 315)

- Studio di Impatto ambientale – Misure di mitigazione e ripristino (tav. 308)

- Studio di Impatto ambientale – Schede riepilogative incidenze (tav. 316 – 317 - 318)

I tecnici regionali, dopo aver acquisito notizie in merito alla consistenza attuale del demanio sciabile nella loro valutazione, hanno ritenuto che ai fini dell’applicazione del DM del 17.10.2007 sia necessario valutare, in modo appropriato, se le opere previste nel progetto comportino un aumento dell’impatto sul sito in relazione agli obiettivi di conservazione della ZPS, includendo pertanto nella valutazione complessiva, oltre le superfici riferite a impianti e piste da sci, anche le strutture ricettive, i parcheggi, gli impianti di innevamento artificiale ed i relativi bacini di alimentazione, le strutture antivalanghe, le reti elettriche, le canalizzazioni e le opere necessarie alla gestione, messa in sicurezza di piste e strade.

Hanno preso atto di quanto riportato nello studio di incidenza a pagina 99, ossia che “dal punto di vista degli effetti sulla componente faunistica e sugli habitat di specie, i rifacimenti con delocalizzazioni debbono essere a tutti gli effetti considerati come nuovi impianti, sia per quanto riguarda la sottrazione diretta di habitat, sia per il disturbo determinato dall’incremento dell’attività antropica, analogamente anche i rifacimenti di vecchi impianti, alcuni dei quali dismessi da oltre un ventennio per gli effetti dovuti alla frequentazione antropica e la frammentazione strutturale e funzionale, debbono essere considerati allo stesso modo”.

Hanno altresì preso atto di quanto riportato nello studio di incidenza, a pagina 13,ossia che “in particolare sono previsti n.16 impianti a fune oltre i 5 impianti funzionanti esistenti, nei 16 impianti sono compresi i rifacimenti dei vecchi impianti dismessi e le cosiddette delocalizzazioni e circa 42 Km di nuove piste oltre i circa 22 Km di piste esistente”.

Infine, nonostante nella seduta della conferenza dei servizi del 18.02.2015 fosse emersa la necessità di presentare ulteriore documentazione progettuale, con relativo studio di Valutazione di incidenza, in merito ai nuovi elettrodotti da realizzare, da parte delle società proprietarie degli impianti, in sostituzione di quelli obsoleti da rimuovere, tale documentazione non è pervenuta e, di conseguenza, i tecnici hanno ritenuto che una valutazione di incidenza per i nuovi elettrodotti da realizzare sia indispensabile al fine di verificare eventuali impatti sulle specie faunistiche.

Ci sono poi tutta una serie di considerazioni sulla flora e sulla fauna esistenti e sull’impatto che le opere possono avere, dettagliatamente riportate nella relazione tecnica allegata al presente comunicato.

Ora ci si chiede chi o cosa abbia ostacolato ed abbia fatto perdere tempo prezioso allo sviluppo ed alla rinascita della nostra montagna; sembra del tutto evidente che nonostante i 30 anni di assoluta incapacità amministrativa e politica, la musica non sia cambiata, anzi.

I Grilli Parlanti di Rieti PROPONGONO che si faccia un concorso internazionale di idee che, sfruttando i fondi già a disposizione (29 Milioni di euro), metta al centro per il rilancio della vivibilità della montagna non solo le attività invernali, e che abbia ad oggetto uno sviluppo sostenibile, che non debba necessariamente passare per l’istituzione di un parco o per l’antropizzazione eccessiva del Terminillo, vedendo nei vincoli esistenti uno stimolo a ben operare e non solo una serie di impedimenti. Scelta questa che avremmo proposto sin dall'inizio di questo tortuoso percorso, ovvero dalla firma del protocollo d'intesa di fine Dicembre 2011 tra Regione e Comuni coinvolti, se fossimo stati presenti a Rieti come gruppo locale ed in Regione come gruppo politico del M5S.

La montagna è di tutti noi, non può e non deve essere considerata la meta esclusiva per una sola “categoria” di fruitori, deve necessariamente essere anche alla portata di tutti coloro che la vogliono vivere in modo sostenibile e naturalistico.

Auspichiamo, per il prossimo futuro, un vero e proprio tavolo di lavoro serio e concreto, con tempistiche precise e nel quale non si verifichino le prevaricazioni di alcune tipologie di utenze del monte rispetto ad altre, nella determinazione delle priorità in base alle esigenze di “categoria”.

L'interesse di chi si rifà al Movimento 5 Stelle è il benessere comune, a cominciare dalle attività locali, che ad oggi sono state le uniche vere vittime di una politica fatta di annunci improbabili e progetti faraonici fuori scala.

Onde evitare che si perda ulteriore tempo prezioso semmai il progetto dovesse essere bocciato anche dalla VIA (Valutazione di Impatto Ambientale), invitiamo la Regione a tornare regista del finanziamento e a lanciare un bando pubblico nel più breve tempo possibile.

Il Link dell'allegato è disponibile in fondo al comunicato.

LORO non si arrenderanno mai… NOI neppure!

Rieti, 03.11.2015

Meetup Amici di Beppe Grillo

“Grilli Parlanti di Rieti”

Pubblicato in Comunicati